LA MARCIA DELLA BANDA edizioni_eufonia

LA MARCIA DELLA BANDA

 18,50

Un libro dedicato alla storia della marcia

Autore

GULLÌ N.

Pagine

183

COD: 121210L Categorie ,

LA MARCIA DELLA BANDA

L’introduzione ad un lavoro letterario, generalmente, non è mai cosa semplice. Se poi, l’oggetto in questione, è un’opera,  frutto, in tutti i suoi parametri, di grande ricerca, di cura minuziosa dei dettagli, il rischio, non cogliendone a pieno il significato, è quello di sminuirne il valore e di non dare il giusto risalto ai suoi contenuti.

La marcia e la banda: due mondi paralleli ed un legame da sempre indissolubile come il rapporto tra la forma musicale della sonata ed il pianoforte,  tra la fuga e l’organo, tra la sinfonia e l’orchestra.

Questa simbiosi, indubbiamente, è l’elemento portante dell’intero volume che il Maestro Nicolò Gullì, uno dei protagonisti più autorevoli e preparati del mondo bandistico nazionale, ha saputo realizzare con semplicità e chiarezza espositiva, omaggiando il lettore, attraverso gli argomenti trattati, di un quadro completo ed esaustivo dell’universo Banda.

L’aver analizzato  infatti, il connubio marcia/banda, dal Rinascimento sino ai nostri giorni, con il “microscopio” rivolto ai vari contesti storici, ai progressivi sviluppi del linguaggio musicale, della tecnica degli strumenti impiegati, degli organici orchestrali e del repertorio, consente a quest’opera, di  inserirsi, senza alcun timore reverenziale nel panorama della letteratura bandistica (e non solo) di spessore, rilanciando, ancora una volta,  il “messaggio” di un “mondo musicale” variegato e ricco di elevati contenuti umani e culturali.

Antonio Barbagallo
Maestro Direttore della Banda Musicale

della Marina Militare Italiana

 ____________________________________________________________________

Ho acquistato e letto attentamente il volume LA MARCIA DELLA BANDA di Nicolò Gullì.

E’ stata per me una lettura piacevole ma soprattutto una preziosa occasione di riflessione e aggiornamento.

Desidero ringraziare l’autore per l’enorme lavoro di ricerca e stesura e anche l’editore per il coraggioso investimento.

M° Luigi Livi